Animazione Testata

Articoli

Trasformare il Moderno

The essay deals with the theme of the transformability of modern architecture through some theoretical investigations and the concrete case of the recent transformation of the Santa Barbara Clinic, a special building of the Nizzoli and Oliveri plan for the ANIC ENI town of Gela, built in the 1960s by Enrico Mattei.

Keywords: Trasformation, Modernity, ENI

Trasformare il Moderno

L’architettura della clinica Santa Barbara per la città ANIC ENI di Gela

 

Giuseppe Marsala

Università degli studi di Palermo, Dipartimento di Architettura_D’Arch

 

Nella difficile interpretazione dell’eredità del Moderno, l’architettura - le sue teorie come le sue prassi - si è imbattuta in indirizzi critici che hanno esplorato diverse strade. Dalla critica al funzionalismo, alla opzione storicistica, dalla ventata Postmodern (declinata nelle differenti forme) alla decostruzione - le ipotesi di interpretazione e superamento di quella stagione breve e felice del '900 hanno trovato sia detrattori che strenui difensori. Tra i primi possiamo certamente annoverare i protagonisti di una fase, iniziata negli anni ’60, che ha visto figure di grande spessore teorico come Ungers, Gieselmann, Venturi, Mitscherlich, Klotz dichiarare in varie forme l’inospitalità della architettura e della città moderna, sino alle critiche di Aldo Rossi al funzionalismo ingenuo e alle sue teorie sui fatti urbani, sulle permanenze nel piano, sugli elementi primari e sul rapporto tra tessuti e monumenti nella costruzione della città.

Se “Robert Venturi nel 1962 invertiva - non senza interesse a propagandare la sua architettura - il less is more, di miesiana memoria, in il più non è il meno,” architetti come i fratelli Krier, J P Kleius ed altri, operavano sul campo la trasposizione costruita delle teorie che Charles Jenks riunì sotto la sigla di architettura postmoderna. Posizioni che trovarono la loro applicazione più estesa nell’IBA - la stagione che tra la fine degli anni ’70 e gli anni ’80 segnò la prima ricostruzione di Berlino ovest. Negli stessi anni, il crescente dibattito sulla tutela dei monumenti e dell’architettura esistente, avvia una riconsiderazione della storia come elemento guida per l’interpretazione della realtà; e invita a guardare al passato come “credito” su cui costruire il presente. La Storia, dunque, si colloca al centro del discorso sull’architettura e, come scrive Gaetano Licata “le si offrono due possibili destini: essere prodotta dal Postmodern o essere conservata, grazie ai nuovi meccanismi giuridici di tutela”.

... ... continuare la lettura del pdf allegato

Ultimo aggiornamento: 02/03/2018 04:41

La nuova RSA (Ph di Isabella Fera).jpgLa nuova RSA (Ph Isabella Fera).jpg

N.File AllegatiDim
1FileMarsala_EdA_2018_3.pdf3023 kB
2FileLa nuova RSA (Ph di Isabella Fe68 kB
3FileLa nuova RSA (Ph Isabella Fera).jpg85 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti