Animazione Testata

Articoli

NAPOLI. ARTICOLO 125 NTA

The paper is a description of two projects for the historical city of Naples. The first one is a building in an urban empty space near the Department of Architecture of the University of Naples Federico II and is a multi-functional structure for the students but also an occasion to revamp the Pignasecca square. The second is an urban project, developed in the context of a teaching experience, along the waterfront of via Marina to define, through towers on a basement, the limit of the city toward the sea. Both projects, even if at different scales and developed in different occasions, started from the occasion offered by an article of the Norms of the Urban Plan of Naples about “ruins and empty spaces resulting from demolitions”.

Key-words: Naples, urban project, plan and project

NAPOLI. ARTICOLO 125 NTA

Federica Visconti

DiARC_Dipartimento di Architettura_Università degli Studi di Napoli Federico II

 

Nel cuore della Pignasecca a Napoli, quartiere popolare e strada-mercato ma anche luogo dove ha sede il Dipartimento di Architettura della Università degli Studi di Napoli “Federico II” e dove quindi vivono alcune migliaia di giovani studenti, si incontra frontalmente, provenendo dalle vicine stazioni della metropolitana e delle linee ferroviarie Cumana e Circumflegrea diretti verso l’asse di via Toledo, uno dei molti luoghi irrisolti della città partenopea che, non a caso, è stato oggetto di studio progettuale, negli anni, di numerosi laboratori di progettazione della Facoltà, e oggi del Dipartimento, di Architettura. Non è stata certo la sola vicinanza fisica a determinare e sollecitare la mole di riflessione progettuale prodotta su questo spazio ma piuttosto il fatto che esso rappresenti un luogo “in attesa di trasformazione”, la cui attuale condizione chiede a voce alta un intervento di progetto. L’area è uno dei tre vertici di un isolato triangolare tra via Forno Vecchio e via Pignasecca che prospetta sulla omonima piazza e, dopo il crollo avvenuto durante i bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale, conserva solo un piano terreno che ha accolto, nel tempo, le più svariate attività commerciali esibendo gli alti fronti ciechi dei due edifici adiacenti. Quando Diego Lama, nel maggio 2015, ha chiesto a Renato Capozzi di partecipare con un progetto alla rubrica “10 Idee per cambiare Napoli” sul Corriere del Mezzogiorno - invito poi condiviso con chi scrive e con due giovani allievi, Mario e Lorenzo Criscitiello - è venuto quasi naturale fare un progetto per quest’area. Il palazzo triangolare che riempie un vuoto urbano - questo il titolo dell’articolo di commento di Diego Lama - è in realtà un edificio complesso che si ispira, non tanto nelle forme quanto nella interpretazione del tema, al famoso progetto di Giuseppe Samonà per il “Concorso per l'ampliamento della Camera dei Deputati in Piazza Montecitorio” a Roma. Nella città storica, mentre molti partecipanti a quel concorso proposero la riconfigurazione dell’isolato secondo le regole tipo-morfologiche rinvenibili nella storia della città, Samonà sollevò l’edificio dal suolo realizzando, in una città densa, un nuovo spazio pubblico coperto, misurato da esili steli metallici e sul quale spiccava la mano aperta di Le Corbusier, omaggio al Maestro dell'architettura moderna e, probabilmente più in generale, a una idea di città moderna che quel progetto intendeva incarnare

... ... ... continua la lettura dal pdf allegato

Ultimo aggiornamento: 10/12/2016 14:46

Piazza della Pignasecca. Vista del progetto.jpg

N.File AllegatiDim
1FilePiazza della Pignasecca. Vista 109 kB
2FileVISCONTI_EdA_2016.pdf905 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti