Animazione Testata

Articoli

BUENOS AIRES TRA CUADRICULA E UTOPIA

By underlining the distinctiveness of the foundation of Buenos Aires with respect to the other cities of the Nueva España, the aim of the paper which is based on a wide literature review is to highlight the role of literary works in the construction of both urban form and national identity.

 

BUENOS AIRES TRA CUADRICULA E UTOPIA

RADICI LETTERARIE DI UNA FORMA URBANA

 

Cecilia Scoppetta

Roberto Maiorano

 

I versi di Borges testimoniano il legame strettissimo tra la città di Buenos Aires e le acque «torbide e fangose» del Rio de La Plata, al punto di trasfigurarle, nel racconto mitico, in «estensione del cielo» da cui «mille e altri mille» arrivarono ad accamparsi negli «sgangherati capanni» sulla costa infestata dai «serpenti di mare». La «fondazione mitica» di Borges accomuna Buenos Aires alle città-porto del Nuovo Mondo che, sorte a partire da un originario approdo, hanno condiviso lo sguardo dei conquistatori verso territori vasti e sconosciuti, scenario ideale per immaginare un futuro possibile. In questo senso, si può dire che la fondazione della città è anche fondazione della vastità del territorio retrostante, del deserto della pampa, non soltanto luogo della “barbarie” contrapposto alla “civilizzazione” urbana, ma anche – borgesianamente – suo “doppio”. Infatti, rispetto agli altri territori del Nuovo Mondo, la specificità della conquista in Argentina risiede proprio nella sostanziale assenza dell’elemento indigeno, dell’”altro”: «sólo faltó una cosa: la vereda de enfrente» (“mancò soltanto una cosa: il marciapiede di fronte”). La fondazione è, quindi, l’inizio di una «storia incestuosa» (Borges, 1989a).

Diversamente dalle province messicane dopo la caduta di Tenochtitlan (1521), la pampa, infatti, non è il luogo in cui gli Ordini mendicanti, prima, e, poi, a partire dalla seconda metà del Cinquecento, i Gesuiti svolgeranno la propria missione di propagazione della fede attraverso un progetto culturale ad ampio raggio, di matrice umanistica e dai risvolti utopistici, destinato, però, ad essere neutralizzato, mediante l’immissione di criteri di egemonia culturale codificati, e regolato dall’Europa per essere ricondotto entro una “ortodossia” religiosa, linguistica ed artistica.

Nella pampa non si verifica, cioè, quell’incontro con popolazioni fino ad allora sconosciute, che aveva dato vita, anche nel vecchio continente, ad un intenso dibattito, prolungatosi fino al Settecento, sulla natura degli Indi, sulla loro origine culturale ed etnica, sulla loro anima e la loro “razza”, aprendo dubbi sulla forma del cielo e sulla sfericità della terra (nei primi anni della conquista ancora non provata).

... ... continua la lettura dal pdf

 

Ultimo aggiornamento: 21/06/2016 11:20

buenos aires.jpg

N.File AllegatiDim
1FileSCOPPETTA_MAIORANO.pdf1090 kB
2Filebuenos aires.jpg48 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti