Animazione Testata

Articoli

Architettura e Città, Storia e Progetto

Il testo indaga la questione del rapporto tra Storia e Progetto nel pensiero di Ernesto Nathan Rogers, Giuseppe Samonà e Ludovico Quaroni proponendo la teoria della Architettura della Città aldorossiano come momento di sintesi di quanto elaborato dalle Scuole di Milano, Venezia e Roma. La tesi finale è che quella Teoria possa/debba ancora oggi dare importanti indicazioni per guidare i progettisti nella costruzione della città contemporanea nel rispetto della tradizione.


Architettura e Città, Storia e Progetto nel pensiero dei Maestri delle Scuole di architettura italiane
 
Federica Visconti

La lettura per coppie specchiate - Architettura e Città, Storia e Progetto- proposta nel titolo parte dalla convinzione che esista un punto di contatto significativo tra storia e porgetto nella definizione di Progetto Urbano inteso come quella declinazione del progetto di architettura in grado di intessere legami tra città, storia e modernità. Si tratta di una definizione che affonda le sue radici nella elaborazione teorica aldorossiana e, in più, in quanto tale costituisce una singolare specificità del patrimonio culturale italiano. Nel saggio Tendenza: neorazionalismo e figurazione, Ignasi de Solà-Morales individua in Rossi e nella XV Triennale di Milano del 1973 il momento di sintesi nel quale la elaborazione teorica dei cosiddetti neorazionalisti arriva ad un significativo punto di stabilità e definizione. Solà-Morales parla di un convergere, nella impostazione rossiana, di quanto si era elaborato, nei decenni precedenti, in tre luoghi - Milano, Venezia e Roma - intorno alle figure di Ernesto Nathan Rogers ed alla sua Casabella-Continuità, Giuseppe Samonà e il gruppo docente dello IUAV e, nel più complesso panorama culturale romano, intorno alla figura di Ludovico Quaroni. Tra i punti della teoria: un processo di rifondazione disciplinare che pone grande attenzione alla storia dell’architettura e della città e l’analisi strutturalista della architettura a partire dalle caratteristiche fisiche e materiali della città. Da cui le coppie specchiate Storia e Progetto_Architettura e Città. Si proverà quindi a dipanare quei fili intrecciati che tengono insieme il pensiero di Rossi con quello dei tre Maestri ma, oltre ciò, l’intento è anche quello di riannodare i medesimi fili fino alla attualità per ribadire come quella teoria della architettura e della città sia oggi ancora viva ed operante e, soprattutto, utile rispetto a quanto ci è dato di osservare nei confronti dello stato presente della architettura.

 continua la lettura dal file pdf allegato
Ultimo aggiornamento: 27/07/2009 15:14

torre velasca.jpg

N.File AllegatiDim
1Filetorre velasca.jpg49 kB
2FileScuole Italiane di Architettura648 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti