Animazione Testata

Articoli

VILNIUS CAPITALE DELLA CULTURA EUROPEA 2009

In 2009 Vilnius, capital of Lithuania, will be the capital of the European Culture. Among the initiatives promoted by the Lithuanian Country for this event, the historical centre of the city has been restored and its main monuments have been renewed.

A seguito dell’indipendenza nazionale della Lituania avvenuta nel 1991 nonchè degli studi condotti per mezzo di organizzazioni internazionali quali l’ICOMOS, di cui ricordiamo l’interessante relazione redatta, nel gennaio 1994, dal Prof. Panu Kaila, presidente Icomos Finlandia, dopo la sua visita nella capitale Lituana, nello stesso anno il Centro Storico di Vilnius, capitale lituana dal 1945, viene inserito nella World Heritage List dell’UNESCO, al numero progressivo 427, con i suoi ben 1487 edifici per una superficie totale di 1.497.000 mq.

Viene poi confermata la sottoscrizione nella Lista dell’UNESCO del centro storico di Vilnius anche all’interno della sessione straordinaria dell’Ufficio del World Heritage Commitee, svoltosi a Kyoto il 28 e 29 novembre 1998.

In questo stesso anno il governo lituano decide di dare principio ad un importante intervento interno alla città e prossimo alla Cattedrale. Si tratta di un’opera di totale ricostruzione di un monumento andato del tutto distrutto alla fine del XVIII secolo per volere delle autorità zariste, le cui modalità e criteri di intervento fanno chiaro riferimento ai punti espressi dalla legge nazionale per la tutela dei monumenti e delle opere d’arte delle Lituania, emanata nel 1967 e in particolare al punto 3 dei principi operativi dove si legge che “sono ammesse ricostruzioni di monumenti che hanno subito una totale ricostruzione, con rifacimento delle piante, delle facciate, delle coperture, i cui volumi saranno adibiti a nuove funzioni, più rispondenti alle esigenze della vita moderna”.

Si tratta, in dettaglio, del Castello Inferiore (Zemutinés pilis) voluto da Sigismund Augustus, re di Polonia e granduca di Lituania che proprio a Vilnius stabilì la sua corte ducale, facendo della città un importante centro culturale. Il palazzo, posto ai piedi della collina dove sorge il castello superiore e la torre di Gediminas e alle spalle della Cattedrale, fu del tutto abbandonato alla fine del Settecento e da qui abbattuto. Rimangono poche e insignificanti tracce delle mura perimetrali esterne, talmente poco significative che anche gli archeologi hanno trovato pochissimi elementi di riferimento per poter ipotizzare la ricostruzione del suo aspetto originario.

Intanto nel 1998 il governo lituano decide di realizzare una copia del vecchio castello nello stesso luogo in cui sorgeva, invitando, nell’ambito di un pubblico concorso, gli architetti a formulare ipotesi di ricostruzione avvalendosi di alcune iconografie del XVIII dalle quali si possono dedurre le forme stilistiche e tipologiche del manufatto originario. Presso la chiesa sconsacrata di S. Michele, museo dell’Architettura della città di Vilnius, oggi è possibile vedere alcuni dei plastici realizzati per formulare delle ipotesi di ricostruzione del castello a seguito de concorso.

Osservando attentamente il cantiere le ragioni della sua ricostruzione vanno certamente ricercate nella volontà del popolo di far rinascere la cultura e la storia della nazione lituana più volte infranta. Al riguardo è del tutto attuale quanto scrive Roberto Pane nel 1959 dopo aver visitato Varsavia devastata dalle distruzioni naziste, evidenziando che “la ricostruzione della capitale polacca, quale essa era prima che la ferocia nazista decidesse di cancellarne il volto, affinché non vi fosse più alcuna immagine del passato che potesse parlare di cultura e storia nazionale(……), trova la sua piena giustificazione come negazione di quei medesimi motivi infami per i quali la distruzione era stata meticolosamente perpetrata”.

Infatti le devastanti distruzioni operate sui monumenti lituani prima dal governo zarista, poi sovietico e ancora da quello nazista trovano anche nella totale ricostruzione certamente una forte motivazione nazionalista nonché una chiara volontà socio-culturale finalizzata a ripristinare la memoria del passato. Si giunge così, come nel caso della totale ricostruzione del Castello di Sigismund Augustus a riprodurre ogni cosa secondo i possibili stili originari: stipiti in pietra di finestre e porte, cornici, mensole, decorazioni e dopo più di un secolo di restauri buoni o cattivi che siano, si è dato ancora una volta ragione a Viollet le Duc. Ma in questo caso più che dare forse ragione ad un metodo si da ragione e forza alle esigenze culturali di una nazione che tenta solo di ricostruire una infranta identità storico-culturale. E’ quanto è avvenuto e continua ad avvenire in molte delle realtà non solo dei paesi dell’Est (Varsavia, Dresda, Lipsia, etc…) ma anche dell’occidente europeo. Pensiamo a riguardo all’esempio attuale della ricostruzione ancora in atto della città di Ieper nelle Fiandre o dei cantieri tuttora operativi dei castelli nella valle della Loira in Francia o del più importante cantiere della chiesa di Notre Dame a Parigi. Questo solo per citare alcuni esempi ma anche per cogliere l’occasione per sottolineare come ogni nazione ha un suo preciso concetto di patrimonio e di conservazione ed essendo i monumenti portatori di valori, questi possono mutare nel tempo e tale variabile deve essere tenuta presente e riconosciuta nel rispetto delle pluralità ed esigenze culturali delle singole comunità europee e non solo. In tale ottica deve emerge il rispetto degli strumenti e dei metodi di conservazione che ogni nazione sviluppa ed attua in relazione alle diverse situazioni territoriali, culturali e temporali e quindi non è possibile mai giungere a definire una regola oggettiva valida universalmente.

Oggi il cantiere del Castello di Sigismund Augustus in Vilnius è in piena attività, gran parte della struttura è stata elevata e dovrà essere terminata per il 2009, anno di importanti celebrazioni per la Lituania ma in particolare per Vilnius che è stata nominata Capitale della Cultura Europea 2009.

Sin dal 1996 sono state intraprese numerose iniziative politiche e culturali per poter giungere a definire Vilnius, Capitale della Cultura Europea 2009, partecipando anche agli eventi organizzati a riguardo da altre capitali europee. Nel 2001 il Governo della Repubblica Lituana presenta al Commissario all’Educazione e alla Cultura della Commissione Europea il titolo assegnato alla capitale nel 2009 e il Piano della Città di Vilnius 2002-2011 con progetti di rinnovamento architettonico ed urbano, come quello in atto nella sistemazione della grande piazza prospiciente il Municipio della capitale, nonché un ricco programma di eventi culturali consistenti in ben 18 grandi progetti.

Ma la città di Vilnius ospita da diversi anni interventi invece più finalizzati al restauro dei suoi manufatti storici.

Al riguardo è importante ricordare che solo a partire dal 1950 in Lituania si diffondono le indicazioni impartite da alcuni documenti internazionali per la tutela dei monumenti ed in particolare la Carta di Atene del 1931. Per la prima volta viene istituito un “Atelier” costituito da un gruppo di ricercatori che secondo precisi metodi scientifici si occupavano di interventi sui monumenti. Questo Atelier viene istituito per volere del Governo lituano proprio per definire criteri di intervento conservativo. Viene poi creato un Istituto all’interno del quale l’Atelier è stato integrato e tutt’oggi opera sulle tematiche della conservazione dei monumenti e dell’ambiente.

Gli studi condotti dall’Atelier, sin dal principio aveva evidenziato la necessità di ricostruire un’identità nazionale ripristinando i due periodi più interessanti che avevano caratterizzato la nazione, ossia il Rinascimento per le sue architetture militari e religiose e poi il XIX secolo per i palazzi.

Anche le condizioni climatiche molto rigide per lunghi periodi dell’anno rendeva necessario, al fine di poter usufruire di questi spazi storici, di procedere con opere di ricostruzione e soprattutto delle copertura qualora queste mancavano o erano in totale stato di degrado. Certamente gli edifici religiosi in questi interventi hanno sempre occupato un posto di primaria importanza.

Ricollegandoci a quanto scrive Jonas Glemja nel 1971 “La conservation et la restauration des monuments lituaniens aussi bien que leur protection ne datent que du XXe siècle”. Ma più in generale possiamo certamente affermare che i restauri eseguiti in Lituania fino alla metà degli anni settanta del XX secolo hanno seguito principalmente due indirizzi. Il primo rivolto essenzialmente ai lavori di ricostruzione e riparazione soprattutto degli esterni degli edifici, quindi vicino al filone stilistico; il secondo invece rivolto solo a parziali opere di riparazione ma principalmente di conservazione. Infatti proprio quest’ultimo indirizzo operativo ha consentito di effettuare sui monumenti studi storici, archeologici, sui materiali, sulle tecniche costruttive e quindi ha sviluppato di più quel filone cosiddetto “del restauro scientifico” a cui lo stesso Atelier e il successivo Istituto si sono sempre di più avvicinati e riconosciuti.

Il primo dei monumenti lituani ad essere stato oggetto di un restauro attento e “scientifico” è stata la Cattedrale di Vilnius che se pur fondata alla fine del XIV secolo non conserva nulla delle sue forme gotiche originarie dato che ha subito forti trasformazioni fino all’attuale veste neoclassica ottocentesca. Importanti studi sono stati condotti negli anni ’30 del XX secolo a seguito delle inondazioni per lo straripamento del fiume Neris che coinvolsero anche la chiesa.

Tra gli esempi di chiese in stile gotico perfettamente conservate certamente va ricordata la chiesa di S. Anna la cui bellezza si dice che colpì Napoleone Bonaparte tanto da ipotizzare un suo smontaggio per poterla poi ricostruire a Parigi. E’ un’opera risalente al periodo tardo gotico e la facciata sembra essere stata terminata solo nel 1582, in un periodo in cui a Vilnius stava prendendo ampio spazio la cultura barocca, così come mostrano molti esterni ed interni di chiese. I sottili costoloni in mattoni rossi sorreggono le volte dell’interno meno interessante se confrontato con la facciata. Accanto a questa poi sorge la chiesa cistercense con adiacente monastero oggi sede dell’Accademia delle Arti di Vilnius. L’interno ricco di decorazioni medioevali si presenta piuttosto devastato a causa delle incursioni naziste ma è attualmente oggetto di un restauro di tutte superfici pittoriche.

Intanto, a partire dagli anni ’50 del XX secolo anche i restauri dei numerosi monumenti nazionali presenti nella città di Vilnius sono stati oggetto di interventi più stilistici che scientifici. Così come il caso della torre del Castello Superiore della città, una grande roccaforte circondata da una palizzata difensiva del secolo X. L’unica sezione ancora oggi in piedi, che è anche il simbolo della città, è la Torre Gediminas (1271-1341) fondatore della città di Vilnius.

Si tratta di una interessante costruzione ottagonale in mattoni rossi ma la cui costruzione di un belvedere realizzato alla fine del XIX secolo ben posto ha conservato della sua struttura originaria, già ampiamente manomessa anche da lavori di ricostruzione dei primi anni del XIX secolo, così come mostra un’immagine di M. Butkovskis del 1838 .

Nel frattempo si compiono nel centro storico di Vilnius molti lavori di ricostruzione e di restauro delle chiese barocche come quella di San Casimiro dove sono ancora in atto importanti interventi sia interni che esterni, la chiesa di Santa Caterina, la chiesa di S. Giovanni dell’Università di Vilnius, la Chiesa Domenicana nonché delle poche case di stile gotico rimaste tra i quartieri più storici della città.

Il centro storico di Vilnius, nel 1977, con una legge dello Stato Lituano per la Protezione dei Monumenti e del Patrimonio Storico Culturale viene sottoposto a vincolo di tutela permanente, ma già una precedente legge del 1969 individuava il valore del centro storico della capitale, successivamente poi riconfermato nel 1990 in una legge provvisoria per l’individuazione dei beni monumentali da salvaguardare.

Le esperienze in corso nel centro storico della città di Vilnius e di tanti altri centri monumentali europei ed extra europei, tra cui annotiamo Marsiglia, Dublino, Santiago De Campostela, Lisbona, Leicester, la stessa Vilnius, Avana, Tunisi, Cairo, Tianjin, Vladivostok, Amman, sono solo alcuni degli esempi significativi che saranno oggetto di analisi e dibattito scientifico nell’ambito dell'edizione 2006 del World Habitat Day, evento Onu (promosso da Unihabitat), in programma il prossimo 2 ottobre 2006 a Napoli, sede di un osservatorio permanente sui centri storici delle città d'Europa e dei paesi del Mediterraneo (promosso dall’Unesco).

 

Bibliografia

 

Glemja J., Conservation et restauration des moniments ed Lituanie, in Monumentum, Vol. VII, ICOMOS 1971, pp.50-64

Glemja J., Jaloveckas R., The renewal end restoration of part of the old town of Vilnius , in Monumentum, Vol. XXVII, n°1, ICOMOS 1984, pp.71-75

Pane R., Città antiche edilizia nuova (1958), in M. Civita (a cura di) Attualità e dialettica del restauro, Chieti 1987

Report. Convention Concening the protection of the world cultural and natural heritage. World heritage committee, Phuket, Thailand, 12-17 december 1994

AA.VV., Vilnius Pilis, The Vilnius Castle in old Photografhs, Vilnius Museo Nazionale, 1995.

Niglio O., Conservazione e valorizzazione del patrimonio architettonico ed ambientale in Belgio, in “Progetto Restauro”, n°30, anno X, 2004, pp. 27-28

Niglio O., La Conservazione dei Beni Culturali. Antologia di scritti, Pisa 2006

 

 

Ultimo aggiornamento: 02/03/2009 05:53

vilnius2.JPGvilnius.JPG

N.File AllegatiDim
1Filevilnius2.JPG117 kB
2Filevilnius.JPG216 kB
3FileVILNIUS CAPITALE 2009.pdf97 kB
Per vedere i file è consigliabile cliccare sul nome con il tasto destro e scegliere "Salva oggetto con nome..."


Home | Reti Tematiche | News/Eventi | Link | E-book |Books | Rivista | Credits | Editorial Board | Contatti